Antichissimo gioco da tavolo rinvenuto in Cina.

In una tomba ultramillenaria nei pressi di Qingzhou, in Cina, sono stati rinvenuti i pezzi di un misterioso gioco da tavolo, caduto in disuso da circa 1.500 anni.
Un dado con quattordici facce, un tabellone decorato e diverse pedine, ma le regole rimangono un mistero.


Vernice Idrocromatica per rallegrare i giorni di pioggia.

In Corea del Sud, dalla collaborazione tra l'azienda statunitense Pantone e la School of the Art Institute di Chicago è stata ideata una tecnica per trasformare i grigi giorni di pioggia della stagione monsonica in una divertente esplosione di colori per le strade di Seoul. Questa è una città molto vivace e dinamica ma per tre settimane all'anno, nel periodo monsonico, la vita urbana si spegne sotto il grigiore del cielo. Ma questo gruppo di designer D&AD, ha trovato un modo originale ed innovativo per portare colore e vita ed illuminare le strade della capitale della Corea del Sud.


Ricordando Ernesto Guevara

Il 9 ottobre 1967 moriva in Bolivia Ernesto Che Guevara.
Ufficialmente Ernesto Guevara de la Serna nacque a Rosario, in Argentina, il 14 giugno 1928, da un'abbiente famiglia borghese. Ma secondo un'amica della madre sarebbe nato un mese prima, il 14 maggio, quando i genitori non erano ancora sposati.
La data di nascita fu falsificata nei documenti ufficiali per evitare quello che allora sarebbe sembrato uno scandalo, e cioè che il Che fosse nato fuori dal matrimonio.


Il Museo di Arte Contemporanea all'interno dello storico Gorky Park

Il Garage Museum for Contemporary Art di Dasha Zhukova, moglie dell'oligarca russo Roman Abramovich noto ai più come proprietario e presidente del Chelsea Football Club, ha aperto il 12 giugno nello storico Gorky Park, il silente parco dei misteri e delle ombre nel clima siderale sovietico trasformato in una delizia per le famiglie, oasi di relax dalla vita estrema di una capitale cosmopolita che viaggia sempre a mille. Ubicato in un padiglione dell'epoca sovietica trasformato dall'architetto olandese Rem Koolhaas, all'interno propone tra l'altro una «Infinity Room» di Yayoi Kusama.


Condividi

Altri articoli